SINGEOP - home

SINGEOP
SINDACATO NAZIONALE DEI GEOLOGI PROFESSIONISTI

aderente alla Confprofessioni
 
 
Roma, 17 Aprile 2009 On.le Presidente del
Consiglio dei Ministri
Largo Chigi, 1
00100 ROMA RM
Signor Presidente

la scrivente SINGEOP è l’Associazione Sindacale dei Geologi Professionisti.
Dal 1978 ha sottoscritto il CCNL per i dipendenti degli studi professionali e successivamente rinnovato fino al corrente anno. Nel 2001 è stato riconosciuto nel ruolo di “parte sociale” unitamente alle Associazioni sindacali aderenti alla CONFPROFESSIONI.

Nella mia qualità di Presidente p.t., desidero sottoporre alla Sua attenzione alcune riflessioni che, sono sicuro, potranno essere utilmente prese in considerazione nei programmi che il Governo da Lei presieduto sta predisponendo per gli interventi urgenti da assumere in conseguenza dei tragici eventi sismici che hanno duramente colpito la regione abruzzese in particolare la città di L’Aquila e i Comuni limitrofi.

Molto, e spesso a sproposito, si è detto dai commentatori politici e dagli organi d’informazione circa le cause, remote e recenti, all’origine del disastro. Quasi tutti hanno posto l’accento sulla prevedibilità del fenomeno sismico ma nessuno si è posto il problema che il territorio italiano è particolarmente esposto ai rischi naturali che oltre a quello sismico si identificano come rischi da frane, alluvioni e inondazioni, da vulcanismo, da inquinamento delle falde idriche. Si tratta di fenomeni naturali direttamente conseguenti all’estrema fragilità del territorio e perciò riconducibili a fattori imprescindibilmente connessi alla struttura geologica.

Purtroppo alle esperienze maturate in occasione di fatti catastrofici non ha fatto seguito un’adeguata valutazione del ruolo dei Geologi professionisti quali tecnici specialisti con funzione preminente e prioritaria nella programmazione urbanistica, nella individuazione dei siti per gli insediamenti produttivi ad alto rischio (ad.es. le discariche RSU e rifiuti tossici e nocivi) e nella progettazione delle opere pubbliche e private, delle infrastrutture. In altre parole su tutto ciò che riguarda la salvaguardia del territorio e su tutto ciò che su di questo viene edificato.

Il ruolo tecnico dei Geologi, allo stato attuale delle vigenti normative, è troppo spesso disatteso o sottovalutato o, al più, ricondotto ad una funzione subalterna di “consulente” ove richiesto, salvo l’interpello “a posteriori” attribuendo a loro responsabilità che non hanno. Con chiara evidenza si tratta di un comportamento culturale che è nella direzione opposta al concetto del “fare bene” secondo le specifiche capacità e competenze dei soggetti professionali che concorrono all’elaborazione del “progetto” con l’obbiettivo di limitare i rischi.

Nel momento in cui, Signor Presidente, il Suo Governo si accinge a varare i provvedimenti normativi per fare fronte alla recente calamità è mio auspicio che Lei vorrà cogliere il mio messaggio e farsi interprete e promotore della necessità, non più differibile, di attribuire “per legge” ai Geologi professionisti il ruolo di compartecipe “progettista” a tutti gli effetti, e con piena assunzione di responsabilità, nel processo di formazione degli strumenti urbanistici e della progettazione delle opere.

Ciò nel superiore interesse del Paese e della sua economia.

La ringrazio per l’attenzione e Le porgo distinti ossequi.

Andrea Maniscalco
Presidente

 

HOME Chi siamo Statuto

SINDACATO NAZIONALE DEI GEOLOGI PROFESSIONISTI
aderente alla Confprofessioni
Via Tommaso Campanella, 41 – 00195 ROMA RM
Tel: 0639732126 - FAX: 0639732126 - Mob: 3394482624

e-mail