SINGEOP - home

SINGEOP
SINDACATO NAZIONALE DEI GEOLOGI PROFESSIONISTI

aderente alla Confprofessioni
 
 

IMPORTANTE PRESENZA DEL SINGEOP
PER LA FORMULAZIONE DEL DISEGNO DI LEGGE N. 719-515-673/A
DI RECEPIMENTO DEL D.LGS. N. 163/06 NELLA REGIONE SICILIANA
APPROVATO DALL’ASSEMBLEA REGIONALE IN DATA 21.06.2011

Il SINGEOP è stato invitato, tramite la Delegazione Sicilia, a partecipare al tavolo tecnico istituito presso l’Assessorato Infrastrutture e Mobilità della Regione Siciliana per l’adeguamento della normativa regionale in materia di contratti di lavori pubblici, servizi e forniture alla normativa statale, regolata dal decreto legislativo n. 163 del 2006, meglio noto come Codice degli appalti ed al relativo Regolamento d'esecuzione, il DPR n. 207 del 2010.

Successivamente, il Sindacato è stato sentito in sede di IV Commissione Legislativa Permanente (LL. PP.) dell’Assemblea Regionale Siciliana insieme con le Associazioni professionali, imprenditoriali e sindacali, nonché con gli Ordini professionali, per l’esame collegiale del relativo disegno di legge contrassegnato dal numero 719-515-673/A.

Il disegno di legge appena approvato è stato formulato cercando di garantire al meglio il principio di legalità e quello della libera concorrenza.

Nel recepimento della normativa nazionale si sono mantenuti alcuni istituti già presenti nella precedente legislazione siciliana, non contrastanti con le norme nazionali e volti essenzialmente al controllo di legalità degli appalti dei lavori, delle prestazioni di servizi e della produzione di forniture con strutture e procedure specifiche; dedicati inoltre alle programmazioni dei lavori ed al controllo dei prezzi, senza dimenticare la tutela e la sicurezza dei lavoratori.

Per quanto riguardi espressamente le prestazioni professionali, fatte salve le durissime critiche a suo tempo mosse da tutti gli ambienti professionali alla contestatissima legge Bersani (n. 248/06) che, abolendo l’inderogabilità delle tariffe minime in mancanza di una seria riforma delle professioni, apriva la stura alle vergognose gare al massimo ribasso, è da registrare una attenuazione dei malefici effetti della Bersani, recependo nella normativa regionale il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa che considera altri parametri, oltre al semplice ribasso.

E’ appena il caso di sottolineare che la bontà di una prestazione professionale non può dipendere solo dal suo costo e dalla sua rapidità di esecuzione, parametri che sicuramente vengono dopo la capacità tecnico-professionale del professionista, la sua dote curriculare, l’organizzazione del lavoro nella sua struttura e quant’altro.

Nel disegno di legge si istituisce poi un unico Albo regionale dove possono iscriversi tutti i professionisti potenziali prestatori di servizi di importo complessivamente non superiore ad euro 100.000 per singolo ente affidante: opzione questa che intende mettere sullo stesso piano tutti i professionisti, evitando favoritismi locali, sempre possibili nella gestione di albi singoli per ciascun ente.

Riguardo poi al problema della congruità degli importi posti a base di gara per le prestazioni professionali rispetto ai tariffari vigenti, anche se non se prescrive la vidimazione preventiva da parte degli ordini professionali, come richiesto dal Sindacato, tuttavia si introduce la possibilità a favore di un concorrente ad un bando di gara di presentare richiesta di verifica del corrispettivo complessivo del servizio posto a base di gara, qualora lo ritenga incongruo.

Competente ad esprimersi sarà l'Ordine professionale che, nell'ipotesi che ritenga la suddetta richiesta fondata, la trasmetterà al Dipartimento tecnico e alla stazione appaltante per i provvedimenti del caso.

Nel chiudere la presente nota informativa non si può fare a meno di riconoscere lo sforzo effettuato dall’Amministrazione regionale, e da tutti gli addetti ai lavori del tavolo tecnico fortemente voluto dal competente Assessore, l’On. Pier Carmelo Russo, per armonizzare la normativa regionale con quella nazionale.

Il disegno di legge approvato intende fare chiarezza e di fatto disbosca una miriade di norme regionali talora in contrasto fra di esse, causa di remore, contenziosi ed intromissioni indesiderabili dagli effetti paralizzanti per l’intera economia siciliana.

In questo quadro i professionisti fanno un piccolo ma significativo passo avanti, incominciando dall’essere ufficialmente ascoltati insieme con gli imprenditori e le parti sociali, nella formulazione di leggi che riguardano anche loro.
Auspichiamo che ciò si ripeta anche in futuro.

ELIO SENES
Delegato Regionale
SINGEOP - Sicilia

 

HOME Chi siamo Statuto

SINDACATO NAZIONALE DEI GEOLOGI PROFESSIONISTI
aderente alla Confprofessioni
Via Tommaso Campanella, 41 – 00195 ROMA RM
Tel: 0639732126 - FAX: 0639732126 - Mob: 3394482624

e-mail